Openlibrary

Secondo quanto riportato da The Economist nel Technology Quarterly uscito il 7 marzo 2009 (“The internet’s librarian”, p.27), Google non è l’unica a digitalizzare e mettere online una gran quantità di libri.

Internet Archive – oggetto delle attenzioni professionali di Brewster Kahle dal 2002 – scansiona, infatti, oltre mille libri al giorno, mettendo poi i file a disposizione di tutti, in un archivio libero su openlibrary.org, e delle biblioteche che collaborano al progetto.

Certo, le biblioteche collaborano con questi progetti e, nel caso di Internet Archive, pagano anche: $30 a libro per il servizio di scansione e archiviazione online. “Stiamo cercando di costruire Alessandria 2.0”, dice Kahle.

Tanto per fare un confronto: Google Book Search ha portato alla scansione gratuita di circa 7 milioni di opere relativamente recenti, spesso ancora protette dal diritto d’autore, e permette agli utenti di accedere solo a qualche parte del testo (e infatti è ‘book search’, mica ‘online-free-books’). Il signor Kahle, invece, “si è concentrato su libri datati, che non sono più protetti dal copyright, rendendone disponibile il testo integrale”.

Ora vado a vedermi il suo TED Talk del 2007.

Annunci

I commenti sono chiusi.