A monte

Il primo produttore mondiale di carta per giornali e riviste, la finlandese UPM-Kymmene ha chiuso il primo trimestre in perdita per 158 milioni di euro, risentendo di cali della domanda per tutte le sue tipologie di carte. […] Nei primi tre mesi del 2008 la società aveva realizzato un risultato di bilancio positivo per 103 milioni di euro.

E le prospettive non sono rosee: per l’insieme del 2009 UPM si attende vendite “marcatamente inferiori” rispetto ai livelli dello scorso anno. Secondo l’amministratore delegato Jussi Pesonen la fase è “impegnativa” e caratterizzata da “circostanze estreme”, tuttavia il manager ha osservato che nel settore delle carte i margini di redditività sono migliorati. “La carta ha gestito la situazione mantenendo i prezzi alti, snellendo le attività e adattando la produzione all’adamento della domanda”[…].

(da Wall Street Italia, Gigante mondiale carta giornali perde 158 mln in I trim, 29 aprile 2009)

Advertisements

I commenti sono chiusi.