Archivi del mese: novembre 2009

Salvataggio in corso…

Segnalo l’articolo sulla digitalizzazione di libri antichi a Timbuctu uscito su Wired di dicembre alle pp.39-42: Islam, una biblioteca salvata dallo scanner, di Elisa Pierandrei.

In caso di volumi squinternati si procede pagina per pagina e si inizia ricreando, con una lavorazione tradizionale ancora praticata nel Mali, un foglio di papiro. La pagina antica, indipendentemente dallo stato di conservazione, viene accuratamente spolverata, stirata e attaccata, con colle naturali, al papiro. Solo a questo punto i fogli vengono passati sotto lo scanner.

Annunci

Riviste 3D

Tranquilli, non serviranno gli occhialini. Le tre dimensioni di cui parla Jan V. White, art director di Time Inc. a inizio anni sessanta, nel suo Editing by design (Bowker, New York, 1982) sono testo, immagini, e sequenza.

È attraversando la sequenza delle pagine messe insieme da editor e art director, infatti, che una rivista acquista profondità.

Riviste a realtà aumentata

[…] Questo mese Esquire e Colors hanno pubblicato un numero con “realtà aumentata”. Sulle due riviste c’è una specie di codice a barre che va tenuto davanti a una webcam per lanciare un video sul computer. Il video si combina con l’immagine della webcam e il risultato ­– almeno in teoria – è un’esperienza interattiva.

[…] Non è semplice né particolarmente comodo. Ma al di là degli aspetti concreti, l’idea fa capire quanto siano disperati gli editori. Le riviste su carta affrontano la sfida del digitale, ma in questo caso mescolare i diversi supporti non ha senso.

[…] Le riviste […] dovrebbero concentrarsi su ciò che fanno meglio e che il digitale non può fornire: l’esperienza tattile dell’inchiostro sulla carta, immagini ad alta risoluzione e testi leggibili.

(da Internazionale 882, Riviste a realtà aumentata, di Mark Porter, p.89, 20 novembre 2009)

Zinio

Zinio.com è un sito interessante: permette di acquistare copie digitali di varie riviste (e di qualche libro carino), da sfogliare a video e archiviare nel più comodo dei modi che l’uomo abbia inventato, cioè su file.

Personalmente, ho sfogliato da cima a fondo un paio di riviste che mi incuriosivano senza pagare un centesimo. Se, come me, avete bisogno di guardare soprattutto le figure (i layout, la sequenza delle pagine) Zinio è una manna.

Playboy online

Playboy ha avviato dei colloqui preliminari per verificare la possibilità di vendere l’azienda a Iconix Brand Group. […]

L’obiettivo di Iconix, che possiede marchi di abbigliamento come Candies, Joe Boxer e Rocawear è di cercare un partner nel campo dell’editoria con il quale acquistare il magazine Playboy, pur mantenendo la proprietà del marchio.
Sia Playboy che Iconix non hanno voluto commentare queste indiscrezioni. […]

“E’ difficile stimare il valore di un’azienda che sta perdendo soldi”, ha detto Nick Gibbons, analista del Gradient Analytics.

Le vendite del magazine Playboy, infatti, hanno subito una drastica contrazione negli ultimi anni, dovuta al fatto che la gente può ottenere foto e materiale per adulti su internet. Anche il mercato pubblicitario ha subito un brusco stop, come successo tra l’altro in tutto il settore dell’editoria americana. […]

(da Reuters Italia, Playboy tratta sua cessione con Iconix, 13 novembre 2009)

Mai dormito meglio

Come proposto un mese fa, sto ascoltando un audiobook.

Per la precisione, Harry Potter nella versione US letta da Jim Dale.
Pare che non aver mai letto Harry Potter faccia snob, quindi ero contenta di aver trovato un modo furbo di mettermi in pari. Ma ci vorrà molto, moltissimo tempo: mi metto a letto e invece di prendere un libro ascolto la voce di Jim Dale che mi racconta la fiaba… duro l’equivalente di una pagina o poco più, e mi addormento. Mai dormito meglio.

Pare anche che invece molta gente stia sveglia la notte, a discutere su chi sia il narratore migliore tra Jim Dale e Stephen Fry (che ha registrato la versione UK della serie).

Bibliodiversità

Fidare (Federazione italiana degli editori indipendenti) è nata nel 2001 come aggregazione di alcune associazioni editoriali regionali presenti in Piemonte, Campania, Sardegna, Sicilia e Calabria.

Il loro blog non è male.