Cosa fa un agente letterario?

In attesa di avere tempo per un “Libri di mondo” dedicato, un link a un episodio di Ti racconto un libro e una citazione da The Novel, di James A. Michener.

“Se la Kinetic fosse venduta domani a qualche enorme multinazionale e i nuovi capi mi licenziassero, e se io riuscissi a trovare un posto presso un altro editore, tu mi seguiresti?”
“Certo, a meno che nella fuga tu rubi soldi alla Kinetic”
“E se non venissi licenziata, ma sentissi di dovermi dimettere?”
“I tuoi standard etici sono anche i miei. Ovvio che rimarrei con te” […]
“Siamo intesi che queste domande erano confidenziali, pure ipotesi”
“Le mie risposte invece no. […] Non potrei lavorare senza il tuo aiuto, e questo non lo dimenticherò mai.”

(da James A. Michener, The Novel, Fawcett Books, pp.43-44, traduzione mia – spero che Francesco Saba Sardi, traduttore dell’edizione Bompiani uscita nel 1993, mi perdonerà se non ho cercato la sua)

La prima voce è quella della editor, che anni prima ha creduto nell’autore ed è riuscita a farlo pubblicare e alla fine ha ottenuto onori e gloria perché lui è diventato un Ken Follett, uno Stieg Larsson. Si è anche arricchita, perché in base al suo contratto percepisce una percentuale delle royalties di lui (per questo credo che la situazione sia più simile a quella di un agente che a quella di un normale editor italiano). La seconda voce, ovviamente, è quella dell’autore – che sta attraversando dei problemi tutti suoi ma non sa nulla della cessione della casa editrice che mette in crisi l’editor… insomma, è un libro interessante.

Annunci

3 risposte a “Cosa fa un agente letterario?

  1. Sì, sembra interessante; qual è il titolo in italiano di The novel?

  2. Ehm in effetti ammetto che non era difficile cercarmelo da me… l’ho trovato. Santa pigrizia!

  3. E allora lo scrivo solo per chi fosse molto più pigro di te:)
    “Il romanzo” di James A. Michener, Bompiani 1993.