Il modo bibliofilo di fare un annuncio

Si capisce molto di una persona dai suoi libri: penso sia per questo che molti blogger e giornalisti ci aggiornano sulle loro ultime conquiste editoriali – da Nick Hornby alla Littizzetto, tutti a dirci cos’hanno letto e cosa stanno leggendo. Oggi vi faccio l’elenco dei titoli che sono passati sul mio comodino negli ultimi 3-4 mesi, che spero spiegherà certe recenti lentezze e pigrizie ma soprattutto le future, probabili, spero-temporanee assenze:

  • Bebè a costo zero, di Giorgio Cozza, Il leone verde. Ottimo e fricchettone.
  • Sono qui con te, di Elena Balsamo, Il leone verde. Perfetto per capire che non sono un canguro.
  • Che cosa aspettarsi quando si aspetta, di Heidi E. Murkoff e Sharon Mazel, Sperling & Kupfer. Il titolo dovrebbe essere “Per cosa preoccuparsi quando non ci si sta preoccupando abbastanza”.
  • Il primo anno di vita per negati, di James Gaylord e Michelle Hagen, Mondadori. Superficiale, ironico, che considerando quanto ci vanno giù pesante gli autori “seri” non è male.
  • Tutte le mamme hanno il latte, di Paola Negri, Il leone verde. Polemica politica: sì. Storia culturale: sì. Complottismo: sì. Metodi e consigli pratici su come fare: pochi/niente.
  • Venire al mondo e dare alla luce, di Verena Schmid, Urra edizioni. Che trip.
  • Piccoli tiranni (non) crescono, di Aldo Naouri, Codice edizioni. I casi riportati sono talmente assurdi da essere di conforto perché, be’, noi non ci ridurremo mai così.
  • Ehi, sto crescendo, di Hetty van de Rijt e Frans Plooij, BUR biblioteca universale. Ancora da leggere: ehi, un passo per volta.
  • Manuale del parto attivo, di Janet Balaskas, Edzioni Red! Poca new age e, soprattutto, niente foto trucide sul parto: solo disegni al tratto. Di mamme che, comicamente, sfornano i loro figli senza nemmeno togliersi il pigiama.
Annunci

4 risposte a “Il modo bibliofilo di fare un annuncio

  1. Grazie grazie!

  2. Congratulazioni! 🙂

    Una lettrice – quasi sempre – silente

  3. Grazie, anche di essere uscita dal silenzio! 🙂