Spazio contro tempo

Perché passare dalla carta ai bit?

Perché il lettore è più comodo da portare in giro, spesso l’ebook (o l’ezine) costa meno, i classici ormai fuori copyright si trovano gratis e poi… tanto spazio in casa. Tutto secondo questo post su Apartment Therapy.

Nei commenti, però, qualche ottima osservazione: gli ebook non si possono prestare, e non è detto che la tecnologia duri quanto la carta. Il che significa che potremmo dover ricomprare tutto ogni vent’anni, e che i nostri figli potrebbero non leggere mai i nostri libri. E a me sembra proprio un peccato.

Annunci

2 risposte a “Spazio contro tempo

  1. Secondo me è un discorso abbastanza complesso, la nostra generazione io ho quasi 30 anni non riesce ancora a togliersi di torno “la carta” abbiamo ancora bisogno del contatto. Diciamo che siamo ancora “in dietro”, un giorno non si faranno più di questi problemi e useranno ebook o cos altro!

    Jeanluc

  2. E’ un discorso molto complesso, e non solo per la questione del contatto. Io per esempio al famoso profumo d’inchiostro nemmeno ci credo, e la carta ormai mi fa venire i nervi per via della polvere. Poi si sciupa, e io mi dispiaccio quando le cose si sciupano.
    Ora che sto valutando davvero l’idea, mi rendo conto che uno degli ostacoli è che per assurdo gli ebook circolano e durano meno. E questo va bene per molti libri ma non per tutti.