Le figure dei libri

Il ricco blog di Anna Castagnoli, autrice e illustratrice, inziava nel 2008 così:

I libri “con le figure” sono destinati ai bambini perché più facili da comprendere, meno noiosi, più allegri o perché i bambini sono rimasti  gli unici fruitori ancora capaci di capire a volo che cosa è l’arte?
(Le figure dei libri, 8 gennaio 2008)

Nel nostro caso (età: quasi 1 anno), le figure sono necessarie perché mentre il bambino gira le pagine – avanti, indietro, al contrario, dal basso verso l’alto, e sempre più in fretta – l’adulto deve a colpo d’occhio individuare l’animale della fattoria rappresentato e abbozzare il verso corretto.

Qualcuno sa che verso fa il pavone?

Annunci

I commenti sono chiusi.