Archivi tag: copy

C’è sempre qualcosa da effettuare

Questa mattina ho effettuato un prelievo di sangue, per effettuare la ricerca degli anticorpi della varicella e capire se l’ho già effettuata. Dopo, al bar, ho effettuato due foto.

effettuare scontrino effettua orario

E’ vero che nella bella scrittura è bene evitare troppi “fare”, un po’ perché è un verbo generico e un po’ perché si rischiano tante ripetizioni. Questa però non deve diventare la scusa per abusare del povero “effettuare”, che significa prima di tutto “realizzare, attuare” e solo nel burocratese ha assunto il significato di “fare”.

L’accento sulla è: nel dubbio

DSCN4925

Sul retro del pacco dei Tarallucci, Mulino Bianco ha deciso di aggiungere alcune informazioni sul prodotto.

Cosa non c’è? Direi un correttore bozze. La “è” verbo essere ha l’accento grave (quello che scende).
Cosa c’è? Un po’ di confusione. Una delle regole d’oro della redazione è l’uniformità. Einaudi che mette gli accenti acuti sulle i se la cava perché li mette TUTTI così (e poi be’, è Einaudi).
Cosa facciamo? Le provate un po’ tutte. Inclusa la variante e+apostrofo!

DSCN4923DSCN4924DSCN4922

Shopping compulsivo

02062013(004)

Volevi solo una maglietta? E invece no.

Immagine

La punteggiatura ti salva la vita

maglietta_grammar

Repetita

Per fortuna, nell’elenco delle espressioni più abusate nella comunicazione aziendale stilato da Forbes l’anno scorso, ce n’è qualcuna che non ho mai usato.

Immagine

Ci fidiamo?

ci fidiamo

Anglofilia

Un passo oltre i manager che fanno brainstorming prima del meeting con il board per il budget, ci sono le parole senza senso ricamate su abbigliamento e accessori vari. Save my buss? (incredula, scopro oggi che “buss” in inglese significa…)